Pivotal

pivotalCo-founded-erasmus-programme UE

“PIVOTAL - DeveloPing learnIng enVironments tO Teach globAl skiLls”

Progetto ERASMUS PLUS KA101 - PIVOTAL 2019-1-IT02-KA101-061373

“Ora, più che mai, l’educazione ha la responsabilità di affrontare le sfide e le aspirazioni del XXI secolo e di promuovere i giusti valori e competenze che condurranno a una crescita sostenibile e inclusiva e a un’esistenza collettiva pacifica”  
Irina Bokova, Direttrice Generale Unesco

 

IL CONSORZIO

In linea con gli obiettivi specifici del Programma Erasmus+ nel settore dell'istruzione e della formazione e con gli obiettivi 4.7 e 4.A dell’Agenda ONU 2030, il Consorzio PIVOTAL (DeveloPing learnIng enVironments tO Teach globAl skiLls) è nato dalla volontà dell’USR Piemonte di rendere il programma Erasmus+ più inclusivo a livello regionale e di rispondere alle molteplici richieste di collaborazione e di supporto all’internazionalizzazione da parte degli Istituti Scolastici Piemontesi di ogni ordine e grado.


ESIGENZE RILEVATE 

Il Consorzio ha rilevato, presso gli Istituti scolastici piemontesi alcune esigenze:

  • innovare gli scenari di apprendimento per rendere la scuola più adatta al mondo che cambia e garantire un’educazione “efficace e di qualità per tutti”;
  • internazionalizzare l’educazione ampliando la conoscenza delle politiche e delle pratiche educative dei Paesi europei;
  • sviluppare una cittadinanza attiva, responsabile e democratica per migliorare l’inclusione sociale e formare cittadine e cittadini liberi e responsabili;
  • rendere il programma Erasmus Plus sempre più integrato nel Piano dell’Offerta Formativa degli Istituti Scolastici regionali.


INTERVENTI e FINALITA'

Per rispondere alle esigenze, attraverso il programma europeo Erasmus + , il Consorzio Pivotal organizzerà mobilità, nella forma di corsi di formazione e di esperienze di job shadowing per insegnanti e personale della scuola per 

  • ampliare le competenze manageriali dello staff dirigenziale e amministrativo in quanto agente chiave per la promozione dell’innovazione;
  • acquisire e consolidare strategie e approcci didattici che valorizzano le relazioni interpersonali, l’empatia, la tolleranza, la diversità culturale e la co-costruzione di un clima di fiducia (“benefit mindset”);
  • acquisire nuovi approcci pedagogico-didattici che pongano lo studente al centro del percorso formativo lavorando sulle competenze chiave di natura trasversale, sull’essenzialità dei saperi e sulla personalizzazione dei percorsi di apprendimento;
  • migliorare l'integrazione del digitale nel curriculum e l’uso delle tecnologie come strumenti per insegnare e apprendere;
  • sviluppare una cooperazione transfrontaliera sostenibile;
  • creare una “rete di scopo” regionale per la disseminazione di buone pratiche e il supporto alla progettazione europea.

Attraverso le mobilità e un accurato piano di implementazione e disseminazione, il Consorzio intende così determinare un forte impatto che dovrà tradursi nell'innalzamento del profilo degli istituti beneficiari e nell'aumento della loro visibilità sul territorio; nell'accrescimento della consapevolezza culturale; nell'incremento della partecipazione alle azioni del programma Erasmus+ attraverso lo sviluppo di nuovi partenariati sul territorio regionale; nella sensibilizzazione degli stakeholders (dirigenti tecnici e scolastici, docenti, genitori, associazioni, amministratori locali, ecc.) su nuove modalità organizzative degli spazi di apprendimento e disseminazione di buone pratiche; nella circolarità delle competenze e dei risultati del progetto per influenzare prassi innovative e sostenibili in altri istituti scolastici del territorio; nella creazione di una rete di relazioni professionali a livello regionale a sostegno della realizzazione degli obiettivi del programma Erasmus+.


DISSEMINAZIONE

Le competenze acquisite da ogni partecipante durante i corsi di formazione e le attività di job shadowing dovranno essere condivise attraverso

A. Formazione tra i membri del Consorzio attraverso workshops coordinati dall’USR Piemonte, in modo da consentire la circolarità delle competenze acquisite e farne patrimonio comune. 

B. Formazione all’interno di ogni Istituto finalizzata ad avviare percorsi di innovazione e miglioramento, avvalendosi del supporto del personale interno alla scuola che ha partecipato alle mobilità e della consulenza del team pedagogico regionale. 

C. Seminari a livello territoriale (micro-eventi/reti di scuole), a cura degli Istituti del consorzio, con il supporto del team pedagogico regionale, per la disseminazione delle buone pratiche e consulenza ad altri istituti che vorranno intraprendere la strada della cooperazione europea e dell’innovazione. 


IMPATTO 

Le competenze acquisite da ogni partecipante durante i corsi di formazione e le attività di job shadowing dovranno determinare un impatto documentato su

A. Docenti: competenze professionali e culturali in dimensione europea e conseguente implementazione dell’innovazione nei rispettivi ambiti d’azione; 

B. Studenti: nuove metodologie/spazi – miglioramento esiti - maggior benessere a scuola in ambienti più inclusivi ed efficaci per tutti 

C. Istituti: creazione di un gruppo di progettazione europea; nuove modalità di organizzazione degli spazi di apprendimento, miglioramento della leadership e del lavoro in team 

D. Territorio disseminazione, formazione -Coinvolgimento e sostegno all’innovazione e diffusione di buone pratiche da parte di staff manageriali (es. Dirigenti Scolastici, Consigli d’Istituto), amministrazioni locali e regionali (es. assessorati all’istruzione, cultura, politiche sociali, edilizia scolastica), associazioni, reti professionali 

E. Incremento della percentuale di progetti di cooperazione europea (Erasmus – eTwinning)

Erasmus Pivotal KA101 nel nostro Istituto

L'Istituto di Chiusa Pesio e Peveragno ha aderitio al progetto nel 2019 intendendo

  • innovare gli scenari di apprendimento per rendere la scuola più adatta al mondo che cambia e garantire un’educazione efficace e di qualità per tutti;
  • internazionalizzare l’educazione ampliando la conoscenza delle politiche e delle pratiche educative dei Paesi europei;
  • sviluppare una cittadinanza attiva, responsabile e democratica per migliorare l’inclusione sociale e formare cittadine e cittadini liberi e responsabili;
  • rendere il programma Erasmus Plus sempre più integrato nel Piano dell’Offerta Formativa degli Istituti Scolastici regionali.

La mobilità, nella forma di esperienza di job shadowing con partner della piattaforma europea eTwinning, ha avuto luogo nel mese di ottobre 2021 nella scuola di Lanškroun in Repubblica Ceca da parte di una docente della Scuola Primaria di Peveragno. Alcune strategie ed approcci didattici osservati saranno messi in atto a partire dall'anno scolastico 2021/2022 principalmente nelle classi dell'insegnante che ha partecipato alla mobilità, ma anche con buone pratiche da parte di altri insegnanti dell'istituto che hanno partecipato alla disseminazione.

La docente durante la sua mobilità in Repubblica Ceca ha portato a conoscenza degli insegnanti cechi la propria esperienza nella Scuola Primaria di Peveragno di robotica educativa, in particolare di tinkering, con un laboratorio pratico per i docenti ospitanti.